CONTATTI | INFORMAZIONI | DIVENTARE SOCI | SOSTENERE L'ASSOCIAZIONE  
   
[ Giornale 09 gennaio 2014  Disponibile la XXXIII Edizione! PeggioRedazione 03 maggio 2013  Farò del mio peggio News vince il primo premio al "Giornalista per un giorno" Giornale 08 aprile 2013  Disponibile la XXXI Edizione Giornale 24 dicembre 2012  Disponibile la XXIX Edizione Giornale 05 novembre 2012  Disponibile l'edizione XXVIII del "Farò del mio peggio News"! PeggioRedazione 01 novembre 2012  Aggiornata la redazione del giornalino! Giornale 15 giugno 2012  Disponibili l'Edizione XXVI e XXVII del Farò del mio peggio News ]
  HOME | EDIZIONI | REDAZIONE | STORIA | DOCUMENTI | ARTICOLI | CAVOLATE | WEBTV | GALLERIA | LINK | RASSEGNA  
odg

Concorso Nazionale "Fare il giornale nelle scuole"
Vincitore Nazionale VIII Edizione

 
Premio Nazionale "Giornalista per un giorno"
Vincitore Nazionale IV-V-VI-VII-VIII-IX-X Edizione
Primo Premio Nazionale X Edizione
alboscuole
Edizioni
E' on-line il
34^ Numero!!! 34Numero
» Vai alle Edizioni
login
Login

User:

Password:



Password dimenticata?
Vuoi diventare socio?

webtv
Web-Tv
Eventi previsti:
Nessun evento previsto

yt Canale YouTube della Redazione
 
» Vai alla Web-Tv
fb
Facebook
rss
Puoi sottoscrivere i nostri Feed RSS cliccando qui oppure puoi riceverli via e-mail:

cavolate
Cavolate

CECINATI: Prof, quello che manca nella verifica non è che non lo sapevo, è che non ho più spazio nel protocollo!

PROF. D'AMICO: Anche io quando ti darò il voto se manca qualche punto non è che non te l’ho voluto dare ma è perché la penna ha finito l’inchiostro... Ad esempio potrebbe essere 1 invece di 10...


» Vai alle Cavolate
 
 

Cavolate

La raccolta dei più esilaranti strafalcioni di studenti ed insegnanti!
Buon divertimento!

 

PROF. D'AMICO: Com’è andato l’esame della patente?

BELLONOTTO: Mi hanno promosso...

PROF. D'AMICO: No dai, a parte gli scherzi…


PROF. GENTA: Cecinati, perché parlavi?

CECINATI: Prof... Perchè mi sentivo solo...


(Si sta parlando di oroscopi...)

PROF. CALZONA: Se io dico: "oggi tu non morirai" probabilmente ci azzecco!

GROSSO: Prof, se oggi muoio poi la vengo a cercare!


(Il Prof. Raco non sa se far leggere Barisone o Dujmovic...)

PROF. RACO: Ok, let’s skip to Barimovic...


(La prof. Carrieri pensava che tutta la classe andasse a fare un’intervista...)

PROF. CARRIERI: Mi avete fregato, pensavo di andarmi a fare la spesa...

D’ANTONA: Ah! Ha confessato, sarebbe andata a farsi La Spesa!

PROF. CARRIERI: Certo, ne avrei approfittato, io non perdo tempo...


PROF. CORTESI: Noi siamo in grado di emettere sia aria fredda che aria calda attraverso le labbra...

GIBBONE: Allora siamo dei piccoli condizionatori...


PIVARI: Palermo, hai mangiato polenta e osei?

PALERMO: No, no, non mangio polenta Osei, prendo un’altra marca...


PROF. FANNI: E’ come quando brucia il metano nei fornelli, solo che nel tuo corpo cosa bruci?

PERUGINO: Pastasciutta?


(Aula Magna - qualcuno vede un uccello in fondo all’aula di colore rosso...)

PROF. FANNI: E’ un piccione... Ma è rosso... Si vede che sarà schierato politicamente per le prossime elezioni...


(Perugino incontra il Prof. La Spesa nel corridoio)

PERUGINO: Salve Prof! Tutto bene?

PROF. LA SPESA: Sì, prima di vederti era tutto perfetto...


PIVARI: DeltaT (differenza di temperatura) quant’è? 2,5 cm cubici?

PROF. FANNI: Questa va sul sito... La temperatura in centimetri cubici...


(Si sta leggendo una poesia di Petrarca, una canzone dedicata a Laura...)

BELLINO: A cosa servono le parentesi in questa poesia?

D’ANTONA: Ad evidenziare le forme di Laura!

PROF. D’AMICO: Siamo proprio arrivati alla fame...


(Le luci si accendono e si spengono a intermittenza...)

PROF. BELLONOTTO: ...Quindi x=0. Speriamo che questo non sia un anticipo di Natale... Dunque, dicevamo...


PROF. D'AMICO: La poesia ti illumina...

BELLONOTTO: A me illumina di più una lampadina da 100 Watt...


PERUGINO: Posso andare ai servizi?

PROF. CAROSIO: Vai pure, ma non tornare con alcuna merendina perché, ho verificato ieri, in bagno non le danno...


PROF. D'AMICO: Shakespeare era figlio di un mercante ed era riuscito a diventare un grande letterato. Quale altro letterato, in Italia, era figlio di un mercante?

PERUGINO: Berlusconi!


(Si devono prendere le misure per un disegno...)

CARNEVALE: Prof, per ottenere l’altezza del parallelepipedo la misuriamo?

PROF. LA SPESA: No... io prenderei il cellulare e chiamerei la NASA...


(Si sta introducendo il sistema binario...)

PROF. NODRINI: D’ora in poi, per capire come lavora il computer, abbandoneremo il sistema decimale, quello che avete usato FINO a quando siete nati...


PROF. D'AMICO: Quest’anno molti progetti dell’anno scorso non sono stati portati avanti, ad esempio i Diritti Umani sono stati tagliati...

CECINATI: Prof, ma allora non abbiamo più diritti?


PROF. GENTA: Ogni tanto potreste far trovare ai prof qualche bella poesia...

MANTERO: “Ti illumino di immenso...”

PERUGINO: ... e poi la firmiamo “Enel”...


(Lezione di storia della costruzione...)

D’ANTONA: Prof, pesa più un kg di vetro o uno di cemento?

PROF. xXx: sicuramente un kilo del tuo cervello peserà molto meno... Non dico altro perché poi arrivano le denunce...


PIVARI: Prof, all’Inferno ha visto Moggi?

PROF. D'AMICO: Moggi è al centro dell’Inferno che mangia tre persone: una è Moratti...


(Si sta lavorando nei vari sistemi di numerazione...)

PROF. NODRINI: prima lavorando in codice binario ho visto dei 2... Sarà il vostro voto se compare una cifra del genere nella verifica...


(All’IST di Genova...)

PROF. FANNI: Più tardi prenderemo l’ascensore... Non dovete premere “zero” altrimenti finite nel nulla...


(Un alunno fa una domanda tipica di chi non ha capito qualcosa in una spiegazione...)

PROF. BADANO: No, ma hai fatto bene a chiederlo... Adoro la vertigine che provo guardando nel baratro della vostra ignoranza...


PROF. FANNI: In natura nulla si crea o si distrugge... Ad esempio Mantero in questo momento sta respirando la stessa molecola d’ossigeno che ha respirato duemila anni fa Cicerone o, più modestamente, tre giorni fa un maiale.


PICONE: Che ora è? E’ un’ora che siamo in quest’ora!


PROF. FANNI: In questa classe se non mi forniste dell’umorismo dovrei mettermi a piangere...


(Ponte stuzzica il prof...)

PROF. xXx: Ragazzi... State attenti... Potrei usare il registro come arma...

PONTE: Prof! Ha una zanzara che le gira intorno! Presto, usi il registro!


PROF. LAVAGNA: E certe mentalità razziali esistono ancora oggi...

GROSSO: (convintissimo) Mh, è vero, ad esempio la paura del buio...


(D’Amico deve assegnare gli articoli per alzata di mano...)

PROF. D'AMICO: chi vuole l’articolo sul tifoso ucciso?

ZANELLI E D'ANTONA: Io!

PROF. D'AMICO: Per che squadra tenete?

D'ANTONA: Io Genoa.

ZANELLI: Io Juve.

PROF. D'AMICO: Ok, Zanelli, vieni a prendere l’articolo... Come vedete, io non faccio distinzioni sul lavoro, sono molto professionale e soprattutto applico la democrazia...


PROF. GRAVANO: Labate ha fatto uno scritto molto originale, per questo ha preso sette. Chissà come ha fatto!

PATRONE: Eh, istinto di soppravvivenza!


(Rubattino prende 9 di Italiano)

PROF. D'AMICO: Ma lo studi italiano ogni tanto?

RUBATTINO: Sì…

PROF. D'AMICO: Se questi sono i risultati allora non studiarlo...


(La prof. Mozzone sta spiegando graficamente i legami tra gli atomi di una molecola in un particolare tipo di reazioni...)

PROF. MOZZONE: Una reazione di decomposizione non è una cosa così complessa... Se volete però porto i Geomag...


PROF. xXx: Ma mi prendete per uno che rompe le cose e poi non lo dice? Non sono mica un alunno io!


PROF. FANNI: Ragazzi, ora imparate bene la chimica perché dovete sapere che se decidete di togliervi la vita con il gas la toglierete a tutti quelli del vostro palazzo.


BELLONOTTO: Prof, ma nel paradiso terrestre cosa c’è?

PROF. D'AMICO: Non ci sono ancora stato...


CARNEVALE: Prof, il rosone serve ad alleggerire la struttura della Chiesa dal punto di vista estetico o strutturale?

PROF. xXx: preferivo la scuola dov’ero prima... Anche se spalavo la neve almeno non sentivo certe cavolate...


(Perugino e Cecinati devono essere interrogati in sostituzione della verifica...)

PROF. FANNI: Allora interroghiamo Cecinati e Perugino!

CECINATI: Ma Prof! Ieri le avevamo detto che oggi non potevamo!

PROF. FANNI: E io mica avevo detto che andava bene!


MARKU: Belle le nuove scarpe prof!

PROF. MOSCHINI: Lavate con perlana!


PROF. D'AMICO: “L’alba è offuscata dal nero della tua pelle”, cos’è?

PICONE: Un’eclisse!


(Entrano i rappresentanti d’Istituto per le firme per l’assemblea generale...)

RAPPRESENTANTE: Scusi prof, posso rubarle un attimo i rappresentanti di classe per una firma? Dovremmo fare l’assemblea d’Istituto...

PROF. xXx: Andate va... Andate a mettere la vostra importante X...


(La professoressa Carrieri non ne può più del rumore...)

PROF. CARRIERI: E se fate caos me ne IMPIPPO delle vostre giustificazioni e vi chiamo lo stesso!


(La prof. Zanni sta spiegando gli organi statali)

PROF. ZANNI: Dunque, tornando a noi... Il Governo nel nostro Paese è un organo fondamentalmente importante...Chi potrebbe indurre il Governo a dimettersi?

BELLINO: Noi no... Forse la loro coscienza!


(Plakalli consegna il libretto dei voti al prof...)

PROF. xXx: Plakalli! Otto. Aspetta... Guarda come hai scritto male il mio nome! Otto meno.


PROF. CORIO: Ecco il classico esempio: arrivate a casa con la pagella piena di 3 e di 4 e dite “Studierò di più”...

CECINATI: L’ho già vista questa scena, prof!


BELLONOTTO: Prof, oggi è il 28?

PROF. FANNI: No Bellonotto, oggi è il 25...

BELLONOTTO: Perché sulla verifica ho messo 28...

PROF. FANNI: Non importa, ti considereremo l’uomo del futuro.


(Entra in classe La Spesa, già alterato dall’ora precedente...)

PROF. LA SPESA: Quando mi vedete arrivare, dovete pensare ai nazisti! SS: Seduti e Silenzio!


(La prof. Barcella in gita a Milano fa trecento volte l’appello...)

PROF. D’AMICO: Ora tocca a noi... D’Amico? C’è... Bene, possiamo andare...


PROF. D’AMICO: La fertilità degli uomini occidentali è diminuita con i jeans a causa del surriscaldamento dei testicoli, che comporta la morte degli spermatozoi appunto a causa del calore...

BARISONE: E’ come se mettessimo un microonde lì...

. . . . .

ZANELLI (dopo 5 minuti): Prof, posso andare ai servizi?

PROF. D’AMICO: Vai mica a controllare, Zanelli?


(Si parla della filosofia antica...)

PROF. BERTONE: tutti nell’antica grecia andavano dagli Oracoli... Anche per sapere come si poteva conquistare una donna si interrogava l’Oracolo...

VENA: ...manda anche tu un messaggio al 48248!


PROF. D'AMICO: Aspettate qualcuno?

DUJMOVIC: No prof, è Maso!

PROF. D'AMICO: Ma non va a scuola?

DUJMOVIC: Ogni tanto...

PROF. D'AMICO: Ogni tanto salta?

CECINATI: No Prof, ogni tanto va a scuola!


(D’Antona stava giocando all’iPod Touch quando la prof. lo vede...)

PROF. MOZZONE: Oltretutto sei anche poco furbo, giochi sopra il banco...

D’ANTONA: Ma prof! Sono appena tornato!


PROF. REBESSI: I pirati non esistono...

CONTI: Neanche Capitan Uncino?

PROF. REBESSI: Ho tolto una certezza a Conti...


MASONI: Ho sentito dire che Leonardo da Vinci aveva inventato la macchina del tempo e veniva dal futuro...

BELLONOTTO: Sì, sì... L’ho letto su un fumetto di Braccio di Ferro...

PERUGINO: Attendibile allora...


(Si parla di legalità in classe e spunta il nome di Berlusconi...)

PROF. BERTONE: non voglio più sentir parlare di politica, né pronunciare quel nome!

PONTE: Tu-Sai-Chi...


PROF. CAROSIO: Credo che quest’anno non sia più il caso di andare in aula informatica...

BELLONOTTO: Ti tiro due schiaffi!!!

PROF. CAROSIO: Prego?!?!?

BELLONOTTO: Scusi prof, lo stavo dicendo a Pivari, non a lei!


(il prof. D’Amico inizia la lezione dicendo che alla fine dell’ora ci darà dei libri da leggere da qui a fine quadrimestre...)

PERUGINO: Ma che libri Prof?

PROF. D'AMICO: Ascolta Perugino, hai presente l’alfabeto? Bene... Più lettere messe assieme con un senso formano una parola, più parole affiancate in maniera logica formano una frase, le frasi formano i periodi, più periodi i paragrafi e molti paragrafi messi insieme su carta formano un libro. E’ chiaro?


(Compito su Galieo Galilei - Bellonotto arriva in ritardo)

PROF. D'AMICO: Tu cosa devi fare?

BELLONOTTO: Il compito su Leonardo da Vinci...


PROF. BARCELLA: Cosa notate confrontando la cartina dell’Africa con quella dell’Asia?

D'ANTONA: Che hanno finito il toner...


PROF. FANNI: Se inverto questa formula è sempre la stessa... Come se mettessi Palermo a testa in giù o in qualsiasi posizione: sarebbe sempre Palermo...


PROF. CORTESI: Cristian, cosa ne pensi della “Favola delle Api” di Mandeville che abbiamo appena letto?

PERUGINO: Ho letto di peggio comunque preferisco Harry Potter...


PROF. D'AMICO (a Dagnino e Perugino): Voi finirete tra i golosi, costretti a inseguire un kebab e non raggiungerlo mai.


PROF. FANNI: Pivari, la tua scrittura sembra un microscopio sfocato...


MANTERO: Prof, ci siamo avvicinati al risultato?

PROF. FANNI: Sì, ora puoi spostarti...


BELLONOTTO: Prof, può farmi un sunto di quello che ha spiegato ieri?

PIVARI: Cos’è un sunto?

PROF. D'AMICO: Un sunto è un riassunto...

PIVARI: Io pensavo che il sunto fosse un riassunto più corto...

DUJMOVIC: Sarebbe un suntino...


(Durante una normale ora di lezione...)

PROF. BADANO: Chi domani sarà assente proverà la mia ira funesta e cadrà nelle forche caudine dell’interrogazione di latino, la peggiore che abbiate mai visto!


AICARDI: Corrente illuministica... Detta anche elettricità


(Durante una noiosissima lezione di grammatica, D’Antona sta leggendo sul libro...)

D’ANTONA: “Vincenzo batteva i denti...”

PROF. D’AMICO (interrompendo la lettura): Mai. Io sono come Chuck Norris, i denti battono per la paura che provoco io. Non c’è discussione.


CECINATI: Prof, quello che manca nella verifica non è che non lo sapevo, è che non ho più spazio nel protocollo!

PROF. D'AMICO: Anche io quando ti darò il voto se manca qualche punto non è che non te l’ho voluto dare ma è perché la penna ha finito l’inchiostro... Ad esempio potrebbe essere 1 invece di 10...


D'ANTONA: Ma prof, nell’Odissea il barattolo dei venti di Ulisse era sottovuoto?


PROF. (Vincenzo) D'AMICO: Andremo a vedere il museo di Leonardo a Vinci...

PALERMO: Andiamo a Vinci con Vince!


(Il prof. Oliveri è intento in un assurdo calcolo scientifico che nessuno di noi capisce...)

CARNEVALE: Può scrivere più grosso, prof? Di qui non ci vedo niente...

PROF. OLIVERI: Ma come si fa?


(Anna è una ragazza che sa parlare il cinese...)

PROF. RAVERA: ma sai anche scriverlo?

ZHU: no prof, mi dispiace, non so farlo...

D’ANTONA: ma che razza di cinese sei?!? Sei proprio Made in China!!!


BRUNI: Prof, che cosa facciamo oggi?

PROF. MOSCHINI: Schifo!!


(Davanti alla vasca dei delfini dell’Acquario di Genova un esemplare maschio è eccitato...)

QUINCI: Prof, prof! Guardi, la pinna di un nascituro!

PROF. D’AMICO: Ehm... Non è proprio una pinna... Anche perché sarebbe un po’ retrattile...

(La Redazione dovrà fare un discorsetto a Quinci...)


PROF. FANNI (appena viste le lucine di Natale sulla porta): Ma che bello!!! Sembra l’entrata di un sarcofago etrusco!


(Lezione di tecnologia...)

PROF. LA SPESA: Avete il libro?

PIZZUTO: Io forse a casa...

PROF. LA SPESA: Tu vedi di averlo, perchè se tu FORSE non ce l’hai, tu SICURAMENTE finisci male...


(Durante un’interrogazione di inglese...)

PROF. DELL'ACCIA: Come si dice 22esimo?

CARNEVALE: Ehm... Twenty... CIUF!


PROF. MOZZONE: Ragazzi, non si può studiare a memoria...

D’ANTONA: Io faccio prima, non studio!


(Pivari sta bevendo il succo di frutta...)

PROF. FANNI: In classe non si mangia!

PIVARI: Ma è da bere Prof!


GIORDANO: Mi permetto di dissentire da lei, prof!

PROF. MOZZONE: Va bene, parla, a patto che tu non abbia la dissenteria...


(si sta parlando, durante la lezione di tecnologia, di che cos’è l’ergonomia degli oggetti...)

PROF. LA SPESA: Perchè pensate che il maniglione antipanico sia fatto così? Provate a pensare cosa succederebbe se non fosse così... Magari vi trancereste un braccio nel tentare di aprirlo... Allora si, sarebbe molto meglio morire bruciati...


(La prof di religione sta guardando male i banchi in fondo...)

PROF. PELUFFO: Desiderare una cosa ci svia dalle preoccupazioni reali... Per esempio, desiderare una moto e guardarsi il magazine durante l’ora di religione non ci fa seguire la lezione...


(Tirone torna dal bagno eresta in piedi...)

PROF. NANI: Dove sei seduto tu?

TIRONE: In bagn... Ehm... Laggiù!


PROF. FOLCO: Come possiamo calcolare il limite effettivo di questa funzione che dovrebbe risultare una funzione indeterminata 0/0?

MANTERO: Il suicido è contemplato come soluzione?

PROF. FOLCO: Non risolverebbe il limite...


 

www.farodelmiopeggio.it - Sito web realizzato da Roberto Palermo - Grafica di Andrea Quinci, in collaborazione con Simone Massardo - Testata di Gianluca Morena